Prostitutas en flickr las mas guarras

prostitutas en flickr las mas guarras

Oltrepasso le prostitute, il fresco dei loro alberi, la ruggine di vecchie recinzioni. Alla rotonda volto le spalle al Nord degl'alberi, dei laghi, delle montagne, e vado a Sud.

Inutile romanticheria delle parole, figlia abbandonata delle letture di quand'ero bambino, dei romanzi di Verne e di Salgari e di Stevenson. Alle spalle mi lascio le colline ed i piccoli laghi tra i due rami del lago grande, di fronte, per chilometri, scendo verso la pianura in direzione di una città squallida che getta i suoi miasmi fin qui, nell'animo quanto nell'aria, e che invece che incubo è diventata modello, ricca di denaro quanto vorrebbe esserlo la gente di qui, povera nell'animo come la gente, qui, lo è da sempre.

Inizia un altro rettilineo. Uguale a quello che l'ha preceduto, solo più lungo. Prati, l'intera provincia ne è piena. Ma fabbriche ovunque a macchiarli e ovunque strade a lacerarli. Tutte figlie della presunzione avida di chi viveva per fare soldi ed ora sopravvive aggrappandocisi. Ignaro allora della propria stupidità e ignaro ora della propria squallida decadenza.

Dagl'auricolari mi s'infila musica nelle orecchie. L'ho accesa sin dai tornanti, appena fuori di casa. Questa provincia ha un suono che non voglio ascoltare più. Il lettore mp3, nella tasca dei jeans, l'ho comprato solo per questo. Adolescenza elettrica, i sensi accesi dal timore, pronti a sentire il sussurro di quel silenzio, a scorgere appena fuori dallo sguardo l'ombra che beffarda allunga le zampe dai capannoni.

Ascoltare sogni fasulli, consolazioni orecchiabili. Come le bollicine dello scoppiato, albechiare da cantare in coro senza che dicano nulla e senza che nulla capiscano.

Prima c'era lui, inutile, vuoto. C'era l'ipocrisia punk, che almeno c'aveva lasciato un'estetica violentemente sporca, disordinata. C'era la musica delle classifiche, per chi aveva la macchina di papà e l'autoradio con l'estraibile e si divertiva a passare davanti ai bar con il volume alto e gl'occhiali da sole di marca. Fuori dal coro c'era l'heavy metal, per chiamare le cose per nome e uscire da una menzogna sorda che l'ignorava ridendo. E c'erano i Kyuss. Che suonavano il deserto, con chitarre e birra e marijuana e generatori di corrente, e suonavano quel che il deserto faceva suonar loro, quel che veniva loro dalle rocce, dal sole, dal sudore, dalla noia della città.

Noia silenziosa, quando il sole batte forte. Pensandoci ora, perfino nei garage dove suonavamo si vedeva entrare lo squallore impostore. Nelle discussioni tra chi voleva scrivere della musica, comporne, suonarla, e chi invece voleva solo imparare a suonare le canzoni che tutti cantavano e andare a suonarle davanti agli altri e chissà domani in quale futuro radioso fare il grano.

Eravamo chiusi l'uno all'altro, allora come ora. Forse la faccia con cui chiudevamo la porta della condivisione nascondeva imbarazzo, vergogna.

Potrei pensarlo della mia, immaginarlo di quella degli altri. Se prima era la pretesa d'una vicinanza silenziosa, era l'inutilità delle parole quando si è compari, poi divenne l'assenza di qualcosa da dirsi, l'atrofia delle parole, l'inganno svelato: Se prima il silenzio era catarsi, era resistenza, poi divenne eroina. L'anestesia chimica che colava come piscio denso dalle gambe del vecchio nemico, e se li era presi tutti quando io andavo a cercare parole e strade e non m'accorgevo che ci stavamo perdendo tutti quanti.

La libertà e la creatività loro, quali che fossero, che fossero consapevoli o invece perfino involontarie, erano un insulto. E abbiamo continuato a guardare le nostre città, le nostre strade, come in una televisione.

Una televisione in movimento su quattro ruote, quelle delle nostre automobili. E adesso, a camminarci, le stesse strade, le stesse città, sono diverse. John Garcia canta, io canto nella mia mente, e non m'accorgo che sto facendo la stessa strada che farei in macchina.

I piedi possono andare altrove, trovare prati e canali e sentieri, ma la memoria della strada li porta dove corrono i copertoni. Ci sono concessionarie d'automobili, ora, e autolavaggi, e pompe di benzina.

I potenti fingono di preoccuparsi per il clima e intanto chiedono più petrolio ai paesi estrattori. E' il piscio del sistema. Veleno che vale oro. Come fosse tutto un treno, ed ogni vagone provvedesse per sè. Ma non è un treno di vagoni solitari, questo, è un convoglio di morituri a cui hanno insegnato divisioni e non promiscuità. La promiscuità che il destino ha in serbo per loro.

Una signora molto figa scende da un suv, prima le gambe nude poi la minigonna poi il decolleté abbronzato poi il viso truccato. Dice qualcosa al benzinaio, gli mostra la tessera per lo sconto sulla benzina. La tessera la danno a chi abita di qua dal confine svizzero, per dissuaderlo dal passare la dogana e fare il pieno altrove. Non guardano reddito o automobile o consumi. Pure una zoccola piena di grano a cavallo di un mostro da settantamila inquinanti euro ha diritto alla tessera per lo sconto.

Lontani dai colli e dai laghi è tutto un rettilineo. L'anticamera di quel che succede a Milano, nella presunzione sua. Traffico, inquinamento, e rettilinei. Dritti come quelli, inesistenti, che percorrono le promesse dei ricchi imprenditori milanesi. Altrettanto dritti, altrettanto inquinati. Un chilometro più avanti c'è il centro commerciale. Lo si vede già da qui. Il sole, intanto, ha trovato nel traffico il suo compare: Nemmeno m'ero accorto, prima, di non averne incontrate per chilometri.

Vanno tutte al centro commerciale. Da casa mia dovrebbero essere otto chilometri. E' passata un'ora e dieci, e fatico a far tornare i conti, perché sui manuali e nei consigli di chi cammina risulta che in un'ora si fa un po' meno strada di questa. Si cammina, senza fretta. Io non avevo mica fretta, eppure sono già arrivato. E non è nemmeno qui che volevo arrivare.

L'aria è condizionata, dentro. La temperatura non è particolarmente bassa, ma passare dal caldo umido e sporco di là fuori al freddo asciutto e asettico di qui dentro riempie la schiena di crampi e dolori.

Bisogna respirare a metà per non sentire male. Compro una spazzola per Penelope, una scodella nuova per Silvestro. Una rivista per me. Perché sulla copertina c'ho visto titoli che parlano della Via Francigena, di viaggiatori pedestri. Cammino da una vita senza andare da nessuna parte, un giorno potrei camminare su strade diverse da queste. Chiedo un caffè freddo.

Anche se a quest'ora la memoria gastrica chiede aperitivi e alcool che l'altra memoria, quella conscia, cerca di ignorare. Andare a Roma a piedi. E poi non ci sarebbe che da camminare. Ignorando la religione di chi c'incontrerei. Non è la mia, certo non quella. La mia è nelle scarpe e fuori dagli edifici. Si tratterebbe solo di camminare, per me, passi laici.

E sicuramente non tutti quelli che la percorrono lo fanno per motivi spirituali. Nessuno, anzi, credo lo faccia per quei motivi. Nemmeno chi lo crede. O crede di crederlo. Se l'eroina ed il petrolio sono il piscio del sistema, la religione è il fiato suo. Quello che gli esce di sotto. Mi domando perché si sovrappongano i pensieri l'uno all'altro. Pensieri pesanti e astiosi ad altri che di leggero, pure loro, non avevano nulla.

E' questo il carico che mi fa male alla schiena, forse. Quanto e più che il lavoro. Ma non fa per me, quel percorso, quel viaggio. Nessuno simile, forse, anche se è proprio quello che invece vorrei, fatto di sole scarpe e notti a cielo aperto. Non fa per me perché già ora, leggendo di tappe di venticinque chilometri da percorrere in sei ore, penso, senza farci quasi caso, che no, è troppo, che quello è andar piano, e già leggendo medito d'unire due tappe alla volta, camminare otto o dieci o dodici ore al giorno.

Sorpasserei gl'altri, sorpasserei la strada, gl'argini, le case, i colli. Sono immune alla competizione ma del tutto ammorbato dal timore di non fare in tempo, credo. Ho aggredito il mese di Luglio ed il trasloco dei reparti, in fabbrica, come se il tempo non dovesse bastarmi mai, mentre gl'altri se la prendono con calma.

Partissi lungo la Via Francigena, a piedi, finirei per percorrerla allo stesso modo, senza goderla, viverla, respirarla. Tornerei a casa con due bagagli: Correre e affaticarmi per dimostrarmi di valerlo?

Per ripagare con i dolori del corpo e la stanchezza i suoi sacrifici? Ringraziarlo imitandolo, perché a voce non so farlo? Psicologia da quattro soldi. Non porta da nessuna parte. Ed in effetti non lo so. Chiudo la rivista, ascolto due signore chiacchierare bevendo il caffè e mangiando pasticcini. Tengono le tazzine con la mano destra ma con il manico voltato a sinistra.

Quindi non sono mancine: Cosa che loro riescono ad evitare prendendo le tazzine in quel modo. Lo noto solo perché lo faccio anch'io, per lo schifo che mi fa chi prova schifo in quel modo. Una dice che è ora di smetterla. Con gli zingari e gli extracomunitari. Tutta gente che chiede soldi e intanto invece ne ha fin troppi, chiede la carità e invece s'ingozza nel lusso.

Mollo la rivista sul tavolo delle signore. Ho nelle mani sberle che le rendono di colpo roventi e nessuno a cui darle. L'ora del pranzo sta svuotando la strada, per fortuna. Me ne lascio alle spalle un altro pezzo. Di fronte a me, in fondo alla salita, c'è Cantù. Extracomunitari, dentro, e meridionali. Un bar di quelli che la gente di qui evita. Non è certo elegante, e da queste parti la mancanza di sfarzo sembra sempre sporcizia, anche quando non ce n'è.

Aspetto il mio turno con i gomiti sul fresco del bancone. Il barista sta parlando con un paio di clienti. I ragazzi che quando sono entrato stavano fuori, seduti sui gradini a bere birra dalla bottiglia. E' una cosa che detesto. I rumori che la gente fa quando mangia. Perché sono evitabili quanto sono sgradevoli. Ci son tavole che ho lasciato per averne sentiti, persone a cui inutilmente chiesto di non farne, più bisognoso di mettere alla prova la mia temperanza che fiducioso di ricavarne qualcosa di diverso da un litigio.

Chiedo un caffè freddo, pure qui. Non è il luogo dove mi sembra possibile che se ne si serva, e il barista, un uomo in sovrappeso, disordinato, con gl'occhi liquidi, non mi sembra sappia farne.

Ma resto fedele al proposito di non ordinare l'alcool che mi serve. Il barista mi chiede se il caffè freddo lo voglio con qualcosa di particolare, incassa la risposta che gli do e piglia dallo scaffale una bottiglia di whiskey.

Prepara il caffè, e intanto cosparge un grosso bicchiere di cacao, infarinandone anche il bancone. Poi mescola caffè e whiskey e ghiaccio, a lungo, molto a lungo. Riempie il grosso bicchiere, e lo cosparge di nuovo con il cacao.

I bordi del bicchiere ne sono colmi. Sulle labbra il cacao anticipa d'amaro il dolce che riempie cremoso il bicchiere. E' crema, ed è tanta.

La bontà della crema fa sembrare enorme l'unico sorso che ne ho bevuto. Bevo qualsiasi cosa fino al fondo, ne sento il sapore solo alla fine, dopo che tutto m'è scorso in gola. Ora no, non riesco. Ruoto il bicchiere per trovarci di nuovo del cacao sul bordo. Ce n'è anche dentro, tutto quello con cui il barista ha spolverato il bicchiere prima di riempirlo. Ce n'è sul fondo, quando c'arrivo. Per un caffè freddo buono come mai ne avevo bevuto. Averlo bevuto in un luogo tanto improbabile, preparato da mani tanto impreviste, lo rende perfino più buono.

Compro dieci sigarette per il viaggio, e una bottiglia di birra che ficco nel tascapane insieme alla spazzola per Penelope ed alla scodella nuova per Silvestro. In fondo alla salita, oltre al semaforo ed alla discesa che ne segue, c'è sempre Cantù.

Città di mobili, di divani in pelle, di gente che ha fatto i soldi con la fatica ed ora a fatica cerca di aggrapparcisi. Gente che quando ce n'erano tanti non se li è mai goduti, perché la domenica lavorava, e d'estate pure. Ora non ce ne sono quasi più, soldi. Sono rimasti i capannoni, le case costruite dietro ai loro cancelli, dietro alle cucce dei loro cani da guardia.

L'attraverso, Cantù, mi ci fermo posando a terra la borsa e togliendomi la maglia, mi rimetto la borsa a tracolla e tiro avanti, tra piazze sgombre e chiese inutili, l'attraverso tutta e quando mi ricordo di esserci nato son già fuori, nelle frazioni, dove iniziano i boschi. Lo schermo è il lunotto delle nostre automobili. Le nostre città, le nostre strade, sono televisione, inquadrature, e non ce n'accorgiamo.

Meno ancora c'accorgiamo che non è solo il mondo, il nostro, dentro ad un'inquadratura: Tutto quel che vediamo è limitato, circoscritto. Trentaquattro anni che vivo qui. Che ci vivo, lavoro, guido, cammino. Com'è possibile che ci siano ancora boschi che io non abbia visto?

Stappo con l'accendino la bottiglia di birra al limitare di uno di quei boschi. C'è un cartello che indica in bello stile i sentieri che partono da quel punto. Mai visto, quel cartello, passandoci vicino in macchina.

Mai visti i boschi di là sotto. So di non sapere dove portino. Conosco quelli dove vado a correre, e quelli attorno ai laghi, e quelli del paese dove abitavo prima, ma questi no. Ogni bivio è provvisto di cartelli che indicano nomi di sentieri e di località. Ma son tutti nomi nuovi, per me. Scelgo ogni volta quelli che portano a sinistra. E' che, a spanne, sono anche quelli che più s'allontanano dalla direzione in cui si trova il mio paese. Trovo sentieri freschi e silenziosi.

Un ruscello imprevisto ne costeggia uno. Un temporale ha abbattuto un albero, l'ha fatto cadere di traverso tra le due sponde del ruscello, creando un ponte che non userà mai nessuno ed uno scorcio che nessun pittore vedrà mai. Marciranno, sia il ponte che lo scorcio. Più avanti qualcuno ha creato un altare improbabile.

Due piccoli rami di robinia legati con dello spago formano una croce, una madonna prega in un sacchetto di plastica trasparente e sporca, fiori di bosco bevono in una bottiglia di plastica decapitata. Ha una strana bellezza, tutto questo. Patetica, perché quella che ci vedo io non è la stessa che cercava di metterci chi l'ha composta. Ci penso in laico divertimento bevendo birra, poi infilo gemme acerbe di more nel collo della bottiglia vuota, la poso vicino a quell'altare tanto pagano quanto l'ignora chi l'ha creato, e la lascio ad aspettare la prossima pioggia perché la riempia.

Il cielo, il poco che se ne vede tra i rami, lassù, promette di portarne entro sera. Poco più avanti ci trovo delle orme di zoccoli. Inizia una salita che mi sembra fin troppo dura perché un cavallo la percorra, ma le orme proseguono, ed io anche.

Quella di una benedetta e fortunata ignoranza: Risalgo il sentiero, copro con le mie orme le orme del cavallo, nemmeno attento a non coprire qualche altro ricordo. Ma non c'è altro, di suo, nient'altro che orme. Ce ne fosse l'odore, il profumo di sudore, d'alito caldo di fatica. E non m'accorgo dell'assalto. Ch'è iniziato prima, prima ancora che io entrassi nel bosco, e adesso continua, senza possibilità che io lo vinca, e senza che io voglia vincerlo. E' l'assalto della natura, dell'irrazionale.

Non c'è un solo suono che provenga da altrove, è tutto qui. Spalanco i polmoni, e sorridono loro al posto mio, un sorriso che non vedrebbe nessuno, pure se mi prendesse le labbra e diventasse suono. Di chi è la terra? Di chi è la Terra? Non è di chi se ne fa randello per combattere chi non c'è nato. No, non è sua. Non è della sua ignoranza vigliacca. No, la terra, la Terra, è di chi la percorre, di chi la vince, di chi se ne fa scopare in questo modo, di chi se ne fa invadere.

E la Terra alza il boato morbido e impertinente della sua invasione, mi fotte più a fondo, mi mette in bocca parole e l'urgenza di pronunciarle, sensazioni e la necessità di morderle, trasforma tutto in un'urgenza finalmente priva di sofferenza, e il corpo cerca di interpretarla e risponderle, ma non ne ha il linguaggio, ce l'ha rubato la civiltà, le Terra percuote e scompiglia il corpo che prima se ne spaventa e poi, quando s'accorge d'esser tornato ad una casa che ignorava di cercare ancora, cerca una risposta senza saperla più dare.

Voglia di correre, sudare, ruzzolare, bagnarsi, sporcarsi, e spogliarsi e pisciare ruotando su un piede e finire nudo in un fiume e dire ti amo bagnato e freddo e divertito. Di chi è la Terra, che adesso mi fa sentire perfino padrone? Un padrone senza proprietà, ma solo legittimità?

Di chi è la Terra se non di chi l'ama e attraversa e ne viene scopato e contaminato? Attraverso prati e colli, mi son dimenticato di seguire le orme del cavallo. Chissà dov'è, chissà dove sono, chissà dove sono io. M'oriento sulle sensazioni, senza bussola razionale.

Incrocio un leprotto, lo guardo guardarmi e voltarmi le spalle e scappare via. Ha la coda puntata verso il cielo, mentre corre. Ed è bianco, il lato della coda che vedo io, davvero bianco, un vezzo che i cartoni animati non hanno inventato ma solo copiato.

Poi finiscono i colli, iniziano, già li vedo, campi e orti. Dev'essere anche scorso un bel pezzo del pomeriggio ma non ne sono certo. Ci sono ancora falde di bosco, prima delle case che scorgo più in là. Devo avere girato attorno alla città dove son nato, grosso modo. Proseguo sul sentiero che s'è fatto l'unico. Solo un paio di volte si dirama, verso coltivazioni e rimesse. Alla seconda incrocio un trattore che avanza adagio. Mi sposto tra l'erba alta, lo lascio passare.

Il ragazzo che lo guida, sporco e con la barba sudata, mi guarda con un'espressione perplessa, e quasi infastidita. Buona creanza vuole che in cammino, per campagna e montagne, ci si saluti, anche tra sconosciuti. Il sentiero scende, fila a metà tra due cascine male in arnese.

Vicino alla più vecchia c'è una fontana assediata da galline e capre. Mi c'avvicino e bevo. Gl'animali non se ne preoccupano. Un caprone annusa la mia borsa di tela e non mi sembra per nulla improbabile che adesso, senza preavviso e permesso, la morda e strappi.

Decidesse di farlo, a poco varrebbe tirare per liberarmene. E allungare una mano sarebbe perfino stupido. Guardo il caprone, mi guarda. Una voce, dalla cascina, un suono nemmeno fatto parola, rompe il silenzio e lo scambio di sguardi. Il caprone fila via, nel prato.

Filo via anche io: Meno ancora ho capito, davvero, se abbia sgridato il caprone, salvando la mia borsa, o invece me, perché ho osato ficcar la testa sotto l'acqua della cascina. La terra si fa asfalto, di nuovo.

Le case fanno ombra, e me ne servo. Sono sudato, sento la pelle nuda delle spalle bruciare. Mi rimetto la maglia, per entrare in una drogheria a comprare una birra. C'è odore di antico, nella drogheria. Di detersivo per i piatti e latte, di lucido da scarpe. Dal retro, dove vedo un uomo mangiare in canottiera e una bottiglia di vino sul tavolo, arrivano odore di pasta al sugo e suoni di notiziari radiofonici.

Prendo una birra, pago e ne ricevo un sorriso sdentato e buono. La birra l'apro poco più avanti. Di fronte ad un passaggio a livello. So dove sono, ora, ci son passato in macchina tante volte. Ma ho un pensiero, ora, arrivato senza bussare e chissà da dove, che mi fa paura. Nei libri lo fanno, l'ho letto.

Libri di una volta, avventure di una volta, personaggi di una volta. Ma adesso è diverso. Chissà quanti cavi elettrici scoperti e pericolosi, ci sono. E ci saranno punti dove non c'è spazio che per i treni. La strada è là, so qual è so dove porta. Un'ora, poco più, per arrivare a casa. E sono stanco, e fa caldo. Getto la bottiglia vuota nel cestino vicino al marciapiede. Scelgo la direzione senza bussola, non l'ho e non mi serve: E' solo la strada, questa, che non conosco.

Piglio verso sud, sui binari. A terra, di fianco ai binari, i cavi elettrici ci sono davvero. Serpi minacciose forse addormentate. Ma durano poco, finiscono appena mi lascio davvero alle spalle il passaggio a livello. Poi non c'è altro che binari, pietre, traversine di legno. Fossi andato nell'altra direzione avrei visto case, paesi. Ma in questa, la mia, ci sono solo boschi, e i binari li attraversano.

Dei treni non mi preoccupo. In questo silenzio irreale li sentirei sin da lontano. Sono sicuro che ne sentirei la vibrazione sotto ai piedi, anzi. E dev'esser pure bello, penso. E' una linea da nulla, poi, questa, ci passano pochi treni, per lo più trasportano merci, metallo.

Quando ci penso, quando mi viene in mente che potrei incrociarne qualcuno, guardo a lato della massicciata, cerco di capire cosa deciderei di fare.

Un metro al di là delle rotaie la massicciata scende ripida verso il bosco. Sui sassi sicuramente rischierei di cadere in mezzo ai rovi e magari in fondo a fossi di spine. Ma ci sono degli alti pali, ficcati in robusti basamenti di cemento, lungo la ferrovia.

Quelli che guardo sfilare quando viaggio in treno. Userei quelli, dovesse passare un treno, mi metterei là aspettando che passi. Chissà il macchinista, mi chiedo, non avrà mai visto nessuno camminare sulle rotaie: Quelli, a lato della massicciata, proprio non ci sono. Fintanto che i timori, irrazionali, restano, allo stesso modo è presente anche un'istintiva ricerca di un modo per andarmene.

Ma non c'è, non ce n'è nemmeno uno. E' camminare senza vincoli e confini. Il fatto che la strada, il tracciato, siano obbligati, e senza possibilità di variarli, non basta a intaccare la sensazione di libertà.

L'avrà fatto, Tom Sawyer? Woody Guthrie, cantore dei camminatori, l'avrà fatto? E Bruce, Bruce Chatwin, anima inquieta e dolce e curiosa? O non questo, ma molto altro, molto più che questo. Bisogna camminare la libertà per scriverla, per metterla in versi, per cantarla, suonarla. Come nel bosco, prima.

Diversi, ma allo stesso modo privi di un punto di riferimento che paragonandosi a loro possa farmeli definire lenti o veloci. De noche, sus calles se llenan de prostitutas. Dentro, pudieron escoger entre las mujeres jóvenes y bonitas, en su mayoría dominicanas: Conocer mujeres solteras dominicanas con prague-vip-service. Mujeres cuero dominicana prostitutas en bucarest. Guillermo Eleazar Vera Lopez Falta: Servicio de citas online gratis Rumania - mujer. Prostitutas en flickr mujeres cuero dominicana - animacion porno Dentro, pudieron escoger entre las mujeres jóvenes y bonitas, en su mayoría dominicanas: Anuncios gratis en contactos de mujeres liberales, putas y scorts alcobendas san sebastian.

Your browser does not currently recognize any of the video formats available. Dans le Rio Véro,avec les Esbarrits,les pieds dans l'eau! Y es cierto, pero de risa!!!! View Large On White. Esa distancia entre tu mirada y la mía, que une el pasado con el presente, con simpleza, cariño y ese "ay".

La foto no es gran cosa, pero el tren me pareció curioso, pues creo que es la primera vez que fotografío un TECO con una composición como la de la foto: It's sad that after spending a morning taking photos of trains, seven of them were pulled by Traxx locomotives and just the one in the photo was the only one without graffitis The shot isn't a great one, but the train was curious because I think that is the first time I photograph a freight with a composition like the one pictured: You seem to be using an unsupported browser.

Please update to get the most out of Flickr. Explore Trending More More. View all All Photos Tagged guarras. Chiavari - Colonia Fara by Fabio Bernieri. JULIA5 by jesus guerra. Conflito na Líbia by Joel Silva. JULIA9 by jesus guerra. JULIA8 by jesus guerra.

JULIA6 by jesus guerra. JULIA11 by jesus guerra. Sirenne's blues by Chema Fernandez. JULIA10 by jesus guerra. JULIA7 by jesus guerra. Photo by Brit Woollard Models: Comments can be a good thing El alma que hablar puede con los ojos, también puede besar con la mirada Echando de menos los madriles. En la foto, la Prueba por Algar by Carlos Olmos. Algar de Palancia Mirant cap a ses Bledes Gymkhana guarra 10 by Natuaventura Ocio y Tiempo Libre. E depois disso, ambos se casam e vivem felizes em uma casa de praia afastada

: Prostitutas en flickr las mas guarras

Prostitutas en flickr las mas guarras Prostitutas en carabanchel bromas a prostitutas
FOTOS PROSTITUTAS VIDEOS FOLLANDO PROSTITUTAS Yo puta: hablan las prostitutas follando prostitutas rumanas
Pagina prostitutas prostitutas siglo xix 783
QUE ES PROSTI PROSTITUTAS FOLLANFO Prostitutas justin bieber videos prostitutas reales
Persiana di destra e persiana di sinistra, sospesi nell'aria, fuori dalla realtà, conoscono perfettamente i nostri gusti i nostri bisogni e se cala l'interesse basta poco ad aumentare la "nostra percezione del pericolo". Me da mucha rabia que se me duerma un pie. Ella es un claro ejemplo, de como el poder no ha cambiado de manos desde el medievo. Ni aunque se me ponga a llorar al prostitutas callejeras castellon prostitutas en ceuta. E' vero ancora che si lavora di Photoshop al computer. Usted es un "paparachi", que le tengo conocido, de esos que embrollan la vida a las famosas y a mi, con lo celoso que es mi Paco, y como me vea con lo reguapa que me he puesto hoy; pues eso:

0 comments on “Prostitutas en flickr las mas guarras”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *